Le finiture



Il colore neutro che caratterizza la Pietra Piasentina assicura un perfetto accostamento a qualsiasi tipo di arredamento mentre le eccellenti caratteristiche fisico meccaniche, la rendono adatta a molteplici usi, sia per interni che per esterni.

A seconda delle diverse esigenze dei Clienti, la Pietra può essere realizzata con diverse finiture che ben si prestano alla realizzazione di pavimentazioni, rivestimenti, scale, portali, soglie, davanzali, cornici di porte e finestre, oltre che alla progettazione di piccoli oggetti di design.

Bocciardato

La bocciardatura è un trattamento meccanico che rende la superficie della Pietra Piasentina rugosa e puntinata. Tale lavorazione può essere eseguita con bocciarde di varie dimensioni e consente la creazione di incisioni più o meno accentuate. La superficie mantiene i colori naturali della Pietra mentre, le zone incise, diventano marcatamente più chiare.
Lo spessore minimo della lastra su cui è possibile effettuare il trattamento superficiale di bocciardatura è di mm 20.

Fiammato

La finitura della Pietra Piasentina conosciuta come “Fiammato” associa alle lavorazioni meccaniche di segagione e di eventuale calibratura un trattamento termico, che viene effettuato attraverso un cannello alimentato con una miscela di ossigeno e di altri gas, seguito da un'operazione di raffredamento con acqua; il brusco riscaldamento e l'immediato refrigermento della Pietra provocano uno sgretolamento minimo della superficie, che diventa rugosa e microspigolosa al tatto. Questo tipo di lavorazione esalta la cromaticità del prodotto, mettendone in evidenza le caratteristiche tipiche quali il colore grigio di fondo, le zone rosso brunastre e le inclusioni di venature calcitiche, se presenti.

Levigato flex

Il “Piano Levigato Flex” è ottenuto mediante una lavorazione a secco, ovvero in completa assenza di acqua. La Pietra Piasentina viene lavorata a mano su un piano sega con l'ausilio di utensili portatili muniti di disco (tipo ZEC 36 o similare), e viene levigata fino ad ottenere una superficie omogenea ed uniforme. La finitura è caratterizzata da una varietà di microimpronte, frutto della grana del disco e della direzione impressa all'utensile dall'operatore.

Piano sega

Per finitura “Piano Sega” della Pietra Piasentina si intende un prodotto sulla cui superficie a vista sono evidenti i segni degli utensili utilizzati per la lavorazione, ovvero:

  • moderate rugosità e incisioni parallele, qualora vengano utilizzate le lame diamantate;
  • incisioni radiali, con diverse o incrociate angolazioni, qualora vengano invece usate delle lame circolari.

Fiammato e spazzolato

La lavorazione "Fiammato e Spazzolato" associa il trattamento termico della fiammatura, che provoca uno sgretolamento minimo della superficie con un effetto finale di rugosità e microspigolosità, ad una successiva operazione di spazzolatura.
Il risultato finale è una pronunciata buccia d'arancia, morbida al tatto, con una leggera marcatura dei tipici colori della Pietra.

Lucido e semilucido

L'operazione di lucidatura consiste nel trattare la superficie con una serie di mole a grana sempre più fine tanto da ottenere un effetto traslucido opaco, per la finitura semilucida, ed uno lucido a specchio, per la finitura lucida. A seguito di tali operazioni, la superficie assume toni più carichi e scuri.

Spazzolato

La spazzolatura è un trattamento superficiale eseguibile anche a completamento di altre lavorazioni. Attraverso l'uso di una serie di spazzole, la superficie della Pietra Piasentina viene lavorata fino a raggiungere il grado di ruvidità e patinatura richiesto. L'effetto cromatico finale varia a seconda delle modalità di spazzolatura: più si spazzola, più la Pietra si scurisce assumendo un aspetto translucido.